Installazione e attivazione

Al momento della prima installazione, Konga Server deve essere attivato tramite l’apposita applicazione Konga Server Licenser per permettere alle postazioni di accedere alle sue funzionalità.

  • Utenti Windows e MacOS X
    Il Licenser viene invocato automaticamente durante gli ultimi passi dell’installazione di Konga Server; annullare la procedura di attivazione in questa fase non comporta nessun rischio, ma sarà necessario avviare il Licenser manualmente in seguito.
  • Utenti Linux
    Per ragioni di architettura non è possibile invocare programmi interattivi durante l’installazione di pacchetti .deb; questo significa che il Licenser non è invocato automaticamente come per le altre piattaforme, e sarà necessario invocarlo manualmente. Da terminale è sufficiente lanciare il comando easybyte-konga-server-licenser; è possibile lanciare questo comando anche senza server X o da una sessione SSH remota, nel qual caso il Licenser presenterà una interfaccia testuale.

Porte

La porta TCP predefinita su cui si attesta Konga Server è la 51966; questa può essere tuttavia configurata su qualsiasi altra porta disponibile tramite le preferenze del server accessibili dal Konga Server Monitor. La procedura di identificazione automatica dei server Konga da parte delle postazioni sulla rete locale usa uno spettro di porte UDP che varia dalla 51967 alla 52147, con «salti» di 20 porte (i.e. 51967, 51987, 52007, 52027, […], 52147).

Konga Server Monitor

La gestione del server Konga avviene interamente tramite l’applicazione Konga Server Monitor; da essa è possibile avviare o fermare il servizio, vedere la lista delle postazioni, il log del server oppure lanciare una console dei comandi per un maggiore controllo. Il Monitor può essere invocato anche da interaccia a linea di comando, ed in tal caso è possibile specificare le seguenti opzioni:

-c, --cli

Avvia il Konga Server Monitor in modalità console dei comandi testuale; non verrà presentata alcuna interfaccia grafica del programma, ma un prompt interattivo da linea di comando che accetta gli stessi comandi console accettati dalla console di amministrazione grafica di Konga.

Nota

Utenti Linux:: Il Monitor può essere avviato tramite il comando easybyte-konga-server-monitor anche senza server X o da sessione SSH remota: in questo caso sarà avviato forzatamente in modalità console dei comandi testuale, come se fosse stata specificata l’opzione -c.

Gestione manuale del servizio

A volte può essere comodo avviare o fermare manualmente il servizio Konga Server tramite interfaccia a linea di comando, senza passare attraverso il Konga Server Monitor.

Avviamento del servizio

  • Utenti Windows:

    sc start "Konga Server"
    
  • Utenti Mac OS X:

    sudo launchctl start it.easybyte.konga.daemon
    
  • Utenti Linux:

    sudo service kongad start
    

Arresto del servizio

  • Utenti Windows:

    sc stop "Konga Server"
    
  • Utenti Mac OS X:

    sudo launchctl stop it.easybyte.konga.daemon
    
  • Utenti Linux:

    sudo service kongad stop